Home Diario nochef a domicilio…da Guido e Concetta!

nochef a domicilio…da Guido e Concetta!

written by nochef 12 giugno 2017

Quando abbiamo cominciato questa avventura, qualche mese fa, non avevamo le idee chiare su dove volessimo arrivare o su cosa volessimo fare.

Entrambi con la nostra vita, ognuno con il proprio lavoro, gli impegni, le responsabilità, le giornate di “sole 24 ore”, la casa, Giuseppe, la scuola il nuoto e tutto il resto. Eppure ci siamo buttati a capofitto, senza pensarci due volte, sacrificando giorni di festa, week end e uscite e cercando di mettercela tutta.

Poi, all’improvviso, il primo “mi piace”, che poi diventano 10 e poi 100, la prima condivisione da parte di siti di cucina, i “mi piace di gente importante”, addirittura un’intervista su Napoli Today. E allora i sacrifici vengono pian piano ripagati.

Le persone ti fanno i complimenti, hai una piccola “fetta di pubblico” fedele, ti chiedono “domani cosa esce?”, “per domenica che prepari?”, e tutto questo ti stimola ancora di più e ti da quella forza di andare avanti e seguire il tuo “sogno”.

Così, senza neanche sapere cosa aspettarci realmente da questo blog di cucina, sabato sera abbiamo fatto la nostra prima cena a domicilio.

Siamo stati a casa di Guido e Concetta e con loro hanno cenato il figlio GIanluca e la moglie Sara. Quattro buongustai, amanti del buon cibo e del buon vino. Da sempre si sono mostrati curiosi e attratti dai piatti che proproniamo quotidianamente sul blog.

Ci hanno dato carta bianca nella scelta del menù. Così, volendo dare un’idea completa di quello che ci piace cucinare, abbiamo organizzato un menù degustazione che ha visto l’alternarsi di piatti di mare a piatti di terra, per un totale di due antipasti, due primi piatti e due secondi. La cena si è conlcusa con un assaggio di due dessert. Il tutto accompagnato da vino sapientemente abbinato dopo tante tante ricerche e prove.

Per la spesa ci siamo anticipati tutto il possibile il giorno prima, naturalmente il pesce e la carne sono stati acquistati la mattina stessa per garantire la massima freschezza che contaddistingue i nostri piatti. Abbiamo trascorso l’intera mattinata di sabato a preparare la linea anticipandoci più preparazioni possibili.

Poi abbiamo preparato le nostre “valigie” e borse frigo, senza dimenticare nessuno dei  nostri attrezzi da lavoro e i piatti che ci piacciono di più e ci siamo diretti a casa di Guido e Concetta. Siamo arrivati poco prima delle 18 e ci siamo messi subito all’opera.

Concetta, sempre gentile e disponibile, è stata una padrona di casa impeccabile. Le avevamo chiesto un piano da lavoro e un pò spazio in frigo e ci ha fatto trovare una cucina super attrezzata e organizzata.

La cena, viste le tante portate, era fissata per le 19.30, ma Gianluca, il figlio dei padroni di casa, ha tardato per impegni di lavoro.

Il piccolo ritardo ha giocato a nostro favore, siamo riusciti a prepararci praticamente tutto. Per prima cosa ci siamo occupati delle preparazioni che richiedevano più tempo.

e solo poco prima di servire gli antipasti ci siamo dedicati alla pulitura del pesce.

e all’impiattamento.

Vi confesso che avevo molta ansia, pensavo…”e se la crema non viene bene? e se fa i grumi?” “sarà insipido?”. Invece a dirvi la verità è accaduto tutto in maniera molto naturale, siamo riusciti a gestire gli imprevisti (che non sono certamente mancati) e a non perdere mai (o quasi mai) la calma.

I nostri commensali ci hanno fatto tantissimi complimenti. Hanno detto che tutto era buonissimo. Bhe spero sia vero, noi comunque ci riteniamo veramente soddisfatti.

Ci siamo messi in gioco e siamo stati all’altezza della partita.

Aspettiamo la prossima cena a domicilio, perchè aldilà del risultato, non mi divertivo così da tempo.

Ecco il menù che abbiamo proposto:

Antipasto di mare

Tris di crudo che prevedeva: Scampo e fragole condito con filo di olio evo e sale rosa dell’Himalaya, Tartare di tonno condita con pinoli, uva passa, pomodorini, menta, sale e olio evo e Carpaccio di calamaro condito con scorza di limone, olio evo e sale nero delle Hawaii.

Antipasto di terra

Tris di antipasti che prevedeva: Sfera di caprino sfiziosa con fragole e sesamo nero, polpettine di spinaci e ricotta in vasocottura (presto sul blog) e zuppetta di cipolle alla francese (un successone!!).

Il primo di pesce è stata l’incognita fino a qualche ora prima. Siamo andati a sentimento e abbiamo puntato sulla semplicità. Spaghetti di Gragnano alle vongole sarde, accompaganti da clorofilla di prezzemolo. Ottimo. La foto del piatto finale non è stata scattata. Come dice qualcuno…..cotto e mangiato!! 🙂

Per il primo di terra siamo andati sul sicuro. Mini Gateau di patate su fonduta di caprino ed hemmental, ricetta nochef.

Il secondo di terra prevedeva filetto di maiale (anche questa ricetta presto sul blog) su crema leggera di patate e la clorofilla di prezzemolo usata anche per gli spaghetti che ha stupito tutti perchè evita di fare i conti con il prezzemolo tritato che da fastidio a molti ma ti permette di usare questo ingrediente che ritengo indispensabile in certi piatti.

Il secondo di mare, invece, è una ricetta del famoso e bravo chef Antonino Cannavacciuolo a cui ci ispiriamo tantissimo e che ci piace da morire. Baccalà su marinatura di pomodori datterini al profumo di origano e olive nere essiccate. Niente da dire, la ricetta è di Cannavacciuolo! 🙂 Carlo ne va pazzo e devo dirvi la verità anche io…benchè non adori il baccalà particolarmente.

La serata si è conclusa con il dessert. Cremino in barattolino e panna cotta con coulis di fragole.

E’ stato un momento “catartico”. Mi sono finalmente rilassata e goduta un meritato bicchiere di vino. Ho finalmente preso fiato.

E’ andato tutto benissimo. Massacrante ma decisamente appagante e soddisfacente.

Grazie di cuore a Guido, Concetta, Gianluca e Sara, che hanno creduto in noi sin dall’inizio e ci hanno offerto questa grande opportunità.

Se volete saperne di più scrivete a info@nochef.it

N.

Vedi anche

4 comments

Ilaria 12 giugno 2017 at 22:14

Grandiiiiiiii….!

Reply
nochef 12 giugno 2017 at 22:15

Grazie!! :-))

Reply
Dario 13 giugno 2017 at 7:42

Carlo e Nunzia siete grandi

Reply
nochef 13 giugno 2017 at 7:52

Grazie Dario! La nostra passione tu la puoi capire. Un abbraccio Chef!

Reply

Leave a Comment